Smart home, tecnologie per la casa

Smart home, tecnologie per la casa

Che cosa si intende con il concetto di casa intelligente? E quali sono le tecnologie che permettono di ridurre i consumi e migliorare la qualità della vita fra le mura domestiche?

Grazie alla diffusione del concetto di Internet of Things e del mondo della domotica, la casa di oggi ha subito un’evoluzione significativa. Infatti, si sente sempre più spesso parlare di smart home, ovvero casa intelligente. Questa struttura abitativa può essere definita tale nel momento in cui al suo interno è presente un impianto domotico, che consente di ottenere importanti e significativi risparmi energetici ed economici, oltre a garantire comfort e sicurezza all’interno delle mura domestiche.

La casa intelligente si caratterizza per la presenza di apparecchiature ed elettrodomestici di ultima generazione, che consentono di gestire i consumi in modo autonomo ed automatico. Ecco una panoramica sulla definizione del concetto di smart home, gli apparecchi che costituiscono il sistema di domotica in casa e il futuro della casa intelligente.

Casa intelligente, che cosa si intende con il concetto di smart home e quali sono i principali benefici di un’abitazione tecnologica?

Con il termine domotica si va a indicare quella scienza che si occupa dello studio delle tecnologie, che hanno lo scopo di automatizzare la vita fra le mura domestiche. Ed è proprio la domotica che rappresenta un elemento caratterizzante della smart home, ovvero la casa intelligente. Quest’ultima può essere definita come un ambiente, tecnologicamente attrezzato, che mette a disposizione di chi ci abita una serie di apparecchiature e sistemi capaci di svolgere funzioni in modo parzialmente o totalmente autonomo o programmate dall’utente.

Una casa intelligente è un’abitazione dotata di una connessione in rete, tramite Wi-Fi, Bluetooth o protocolli simili, a cui sono collegate tutte le apparecchiature elettroniche. Grazie a queste ultime è possibile tenere sotto controllo e ottimizzare funzioni come la temperatura, la sicurezza, l’illuminazione o l’intrattenimento, sia da remoto che attraverso lo smartphone. I principali impianti che possono essere gestiti attraverso un sistema di domotica in casa sono la caldaia, il condizionatore, la pompa di calore, i pannelli fotovoltaici e gli elettrodomestici.

Avere un impianto elettrico domotico in casa significa poter massimizzare il comfort domestico che, grazie all’Internet of Things, può coinvolgere qualsiasi dispositivo dell’abitazione. I tre obiettivi primari su cui si basa la casa intelligente sono:

  • risparmio energetico;
  • comfort abitativo;
  • sicurezza.

Un impianto elettrico domotico permette di controllare come, quando e quanta energia viene utilizzata in casa. In questo modo si può avere una maggiore consapevolezza degli sprechi energetici quotidiani, e pensare ad azioni mirate per ridurli. Ad esempio, se la propria lavatrice viene collegata a un sistema IoT, inserendo i costi delle diverse fasce orarie, l’impianto programmerà la lavatrice nell’ora più conveniente. I principali vantaggi legati alla scelta di convertire la propria abitazione in una casa intelligente sono, oltre al comfort e al risparmio energetico, anche la semplicità di utilizzo dei dispositivi domotici e la flessibilità, con la possibilità di aggiungere nuove funzioni nel tempo, adattando quindi l’impianto elettrico domotico alle esigenze dell’utente.

Quali sono le caratteristiche e i vantaggi del termostato di una casa intelligente?

In particolare, nella smart home un grande vantaggio è rappresentato dalla possibilità di regolare autonomamente e automaticamente la temperatura. Questa attività può essere svolta dal termostato intelligente: si tratta di un dispositivo che è possibile gestire da remoto e che mette a disposizione dell’utente una serie di funzionalità per controllare il comfort ambientale e allinearlo alle proprie abitudini e a eventi imprevisti, come il rientro a casa anticipato o posticipato. In generale, attraverso l’installazione di un termostato smart nella propria casa intelligente è possibile avere una riduzione dei costi in bolletta annui del 20-25% rispetto all’utilizzo di un termostato tradizionale.

Associata all’installazione del termostato smart, per regolare la temperatura della propria abitazione si possono utilizzare anche le valvole termostatiche intelligenti. Con questi dispositivi, che vengono fissati direttamente sui caloriferi, è possibile tenere sotto controllo il consumo di acqua calda usata per il riscaldamento degli ambienti. Grazie alle valvole termostatiche gli ambienti domestici vengono suddivisi in diverse zone di riscaldamento indipendenti, che vengono gestite in maniera indipendente in base alla propria posizione. Con l’installazione di valvole termostatiche intelligenti si possono ridurre del 15% le spese legate al funzionamento dell’impianto di riscaldamento.

 

Illuminazione intelligente e piattaforme per controllare gli elettrodomestici

L’adozione di un impianto elettrico domotico all’interno di una casa intelligente passa anche dalla scelta del corretto sistema di illuminazione. Quest’ultima, infatti, può migliorare in maniera significativa la qualità della vita fra le mura domestiche. Le lampadine intelligenti consentono di regolare la temperatura colore, con variazioni dai toni più caldi a quelli più freddi, andando quindi incontro alle esigenze dell’utente nelle diverse fasi della giornata. Le attuali lampadine a LED sono una soluzione ottimale per migliorare la qualità di vita della propria abitazione: oltre a garantire un perfetto comfort per la vista, infatti, hanno anche consumi molto ridotti, consentendo quindi di avere un significativo risparmio in bolletta. Ma il risparmio che si ottiene installando delle lampadine a LED è anche in termini energetici. Le apparecchiature a LED scaldano infatti pochissimo, tanto che è stato stimato che ogni 3 Watt led si risparmi 1 Watt di energia frigorifera.

Una casa intelligente prevede poi l’utilizzo di una serie di piattaforme per il controllo delle apparecchiature elettroniche domestiche. Nel 2019, in collaborazione con Microsoft, lanceremo una nuova soluzione digitale pensata proprio per la smart home. Attraverso una piattaforma software gli utenti avranno a disposizione una dashboard semplice e intuitiva con cui potranno ridurre i consumi energetici, abbattere le emissioni, agevolare la gestione domestica e migliorare la qualità della vita.

 

Quali sono gli scenari futuri della casa intelligente?

In base a una ricerca condotta dall’Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano, nel 2017 il mercato delle soluzioni Internet of Things per la casa ha registrato, solo in Italia, un tasso di crescita del 35% rispetto all’anno precedente, arrivando a un giro d’affari di 250 milioni di euro. Secondo le previsioni di Zion Market Research, quello della smart home è un mercato che, a livello globale, farà registrare un tasso di crescita del 14,5% tra il 2017 e il 2022.

Ma quali saranno gli scenari futuri per la casa intelligente? Nei prossimi anni si prospetta un sempre maggior utilizzo degli assistenti vocali. La smart home vedrà il controllo vocale sempre più diffuso e integrato con diverse tipologie di dispositivo e con il sistema di domotica in casa. Entro il 2021 sono infatti previste oltre 220 milioni di apparecchiature per la smart home controllate attraverso la voce. Ad esempio, un numero sempre maggiore di lampadine verrà venduto con l’assistente vocale già installato, senza quindi il bisogno di apparecchi terzi come gli smart speaker.

Con lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale poi, nel futuro della smart home si prospetta una riduzione pressoché definitiva del controllo manuale dell’energia, per passare a sistemi totalmente automatizzati, che permettano di gestire in maniera efficiente i consumi. La personalizzazione dei servizi e la protezione dei dati saranno altri due elementi su cui puntare nel futuro della casa intelligente.

 

4 curiosità sulla casa intelligente

La scelta di passare da un’abitazione tradizionale a una casa intelligente è vista con sempre maggior favore dagli utenti. Basti pensare, infatti, che il 38% degli italiani possiede almeno un oggetto smart connesso nella propria abitazione. Questo fattore è probabilmente legato anche al fatto che, per le spese che vengono effettuare per un sistema di domotica in casa, è possibile usufruire di una detrazione fiscale pari al 65%.

Ma non solo: i sistemi di automazione per il controllo degli impianti di un edificio permettono di ottenere un risparmio fino al 15% sui consumi di energia elettrica. Entro il 2020 poi, è previsto che le smart home saranno in grado di produrre ogni giorno 50 GB di dati.

Vuoi trasformare anche tu la tua abitazione in una casa intelligente? Scopri tutte le offerte di E.ON per la luce e il gas della tua smart home!