Giornata mondiale del turismo: uno strumento per lo sviluppo del turismo sostenibile

Giornata mondiale del turismo: uno strumento per lo sviluppo del turismo sostenibile

Turismo sostenibile e responsabile e trasformazione digitale sono i grandi temi che animano la Giornata mondiale del turismo, in arrivo il prossimo 27 settembre 2018

“Turismo e trasformazione digitale”: è questo il tema annuale del World Tourism Day, la Giornata mondiale del turismo che avrà luogo il 27 settembre 2018. I progressi nel digitale stanno cambiando il nostro modo di vivere, le relazioni e le nostre abitudini nel reperire le informazioni, con la possibilità di essere sempre aggiornati su ogni argomento in tempo reale. Questo processo si ripercuote in positivo sulla nascita di una sempre maggiore consapevolezza a proposito di sostenibilità ambientale.

Comprendere l’impatto che la tecnologia e l’innovazione del turismo hanno sulla crescita economica, sociale e ambientale a livello globale è il primo passo da compiere per sostenere un percorso di crescita in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle varie nazioni. La Giornata mondiale del turismo si pone, dunque, l’obiettivo di dare spazio a idee innovative che possano rivoluzionare il modo in cui viaggiamo e viviamo il turismo, con un’attenzione particolare nei confronti delle opportunità che i big data, l’intelligenza artificiale e le piattaforme digitali possono apportare al settore del turismo.

Giornata mondiale del turismo 2018 e turismo sostenibile

La Giornata mondiale del turismo 2018 mira, dunque, a creare maggiore consapevolezza sul contributo che le tecnologie digitali possono dare allo sviluppo del turismo sostenibile. L’unione tra piattaforme digitali, social media, contenuti generati dagli utenti, big data e intelligenza artificiale hanno modificato il modo in cui le persone condividono le informazioni e consumano un prodotto.

Il turismo è stato al contempo testimone e protagonista di questi cambiamenti. Le tecnologie hanno fornito al settore strumenti più potenti per la gestione, la distribuzione e il marketing dei propri servizi. L’iperconnessione ha permesso di raggiungere più velocemente le persone e di portare a un aumento della domanda attraverso la personalizzazione dell’offerta turistica. La digitalizzazione ha, inoltre, contribuito al perseguimento di forme di turismo più sostenibili, con risvolti più che positivi per l’ambiente.

Cosa si intende per turismo sostenibile

Il turismo responsabile e sostenibile costituisce un modo di viaggiare nel rispetto del pianeta e degli esseri umani. Secondo la definizione dell’International Ecotourism Society il turismo sostenibile è “un viaggio responsabile nelle aree naturali che preserva l’ambiente e migliora il benessere delle popolazioni locali”. L’ecoturista ha voglia di divertirsi e di viaggiare senza danneggiare ciò che lo circonda, nel totale rispetto dei luoghi che visiterà.

Il 16% degli italiani pratica già un turismo sostenibile e si dichiara disposto a pagare di più pur di avere delle strutture dotate di sistemi antispreco, menu biologici o a chilometro zero, e sottolinea una crescente attenzione nei confronti delle energie rinnovabili, prediligendo alberghi e hotel dotati di impianti fotovoltaici.

Qualche consiglio per praticare il turismo sostenibile

La conoscenza delle tematiche legate alla sostenibilità ambientale può portare a compiere scelte più consapevoli in relazione ai propri viaggi e vacanze, con una maggiore oculatezza nella selezione della struttura turistica e, più in generale, con più grande attenzione nei confronti dell’ecologia. Il turismo sostenibile può concretizzarsi anche nella scelta di altri elementi, che costituiscono un valore aggiunto per la qualità del viaggio, ma anche e soprattutto per gli ecosistemi ambientali e il benessere complessivo del pianeta. Tra questi, tra i più significativi ci sono:

  • i mezzi di trasporto: quello in assoluto meno nocivo per l’ambiente, soprattutto per i viaggi lunghi, è il treno, ma il vero ecoturista si sposta sempre con i mezzi pubblici, in bici o a piedi;
  • le certificazioni che attestino l’impegno da parte di hotel e strutture ricettive nei confronti dell’ecologia, come Ecolabel, Green Globe, Sustainable tourism eco-certification program, o marchi come Stay For The Planet, il rating italiano di sostenibilità degli hotel;
  • la consultazione del decalogo lucn, Unione internazionale per la conservazione della natura, che fornisce ottimi suggerimenti sul come fare una vacanza responsabile, con aree consigliate, percorsi, liste di hotel ecosostenibili, mezzi di trasporto, cibi e contatti diretti con le associazioni turistiche locali.

 

Scopri i progetti di E.ON per favorire il turismo sostenibile attraverso l’e-mobility